Servizi GARR - La rete italiana della ricerca e dell'educazione

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa
Questo sito risponde ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR).

Informativa sulla privacy

FAQs - ip

Se il traffico generato dai servizi legati a quel dominio (web, posta elettronica ecc..) transita  attraverso GARR (quindi usando un IP GARR) l'utilizzo del dominio deve essere conforme alle AUP GARR, indipendentemente dal Registrar mediante il quale viene registrato il dominio o il TLD a cui appartiene.

TAGS: aup, dominio, ip, registrar

Un ente GARR e' libero di registrare con qualunque altro Registrar commerciale un dominio sotto qualunque TLD (compresi .it e .eu). Se il dominio non viene registrato per scopi istituzionali, quindi non e' conforme alle AUP, il traffico generato dai servizi legati al dominio non deve transitare per la rete GARR. Quindi gli host sui quali verranno attivati i suddetti servizi non dovranno avere un IP GARR.

TAGS: garr, tld

In generale e' compito dell'APM controllare l'utilizzo dello spazio di indirizzamento pubblico (IPv4 e IPv6) che risulta assegnato all'infrastruttura di rete di sua competenza. Purtroppo, possono crearsi condizioni tali da rendere assai arduo il controllo sull'attivazione non autorizzata, su host con IP GARR, di servizi relativi ad un dominio registrato con mantainer commerciale.

Caso tipico: un utente di un ente GARR decide di registrare autonomamente un nome a dominio rivolgendosi ad un Registrar commerciale. Oltre alla registrazione, l'utente puo' richiedere  di far puntare la risoluzione del www del domino all'indirizzo IP assegnato al personal computer che l'utente utilizza ogni giorno su cui e' attivo anche un server web.  Situazioni del genere sono chiaramente fuori dal controllo dell'APM o comunque assai difficili da individuare. Quando un APM riesce comunque ad accorgersi di casi del genere puo' procedere con un'azione di "bonifica" o richiedendo il cambio Registrar per il dominio al GARR-MNT su consenso del registrante oppure prendendo almeno il controllo della risoluzione diretta ed inversa nel DNS per i servizi legati a quel dominio. In ogni caso i servizi legati a quel dominio devono rispettare le AUP GARR, essendo attivi su un host con IP GARR.

TAGS: apm, dns, mantainer

L'hosting su macchine con IP non GARR a cui viene assegnato un nome sotto un dominio di secondo (o terzo etc...) livello registrato da GARR e' sempre meglio evitarlo per motivi di tracciabilita' su eventuali incidenti di sicurezza che possono verificarsi su tali host. Se l'host con IP non GARR viene usato in modo illecito, molto probabilmente la notifica dell'evento non arriverebbe ne' all'Ente che ha registrato il dominio ne'al GARR-CERT. Pertanto, la posizione di GARR in questi casi e' di sconsigliare l'adozione di soluzioni di questo tipo. La registrazione di quel dominio non e' infatti una soluzione tecnicamente necessaria per poter far funzionare i servizi relativi allo stesso.

La documentazione relativa alla richiesta di nuovi indirizzi e al mantenimento delle informazioni relative agli indirizzi IP assegnati è disponibile nelle pagine del GARR-LIR.

Possono richiedere la registrazione di domini internet .IT e .EU al GARR-NIC solamente le organizzazioni collegate alla rete GARR. Consultare il sito web del GARR per una lista di tali organizzazioni.

La documentazione relativa alla richiesta di nuovi domini  e al mantenimento delle informazioni relative ai domini già registrati è disponibile nelle pagine del GARR-NIC.

TAGS: domini, lir, soci